Elisabetta Boiti, nata a Trieste nel 1983, ha studiato flauto dolce al Conservatorio "G.Tartini" con il M° Stefano Casaccia. Si è poi perfezionata col M° Piero Cartosio di Palermo. Ha seguito numerosi corsi di musica antica, fra i quali: Corsi Musicali Internazionali di Giulianova (TE), Corsi Internazionali di Musica Antica di Urbino (dal 1992 al 1997), Corsi di Musica Antica di Polizzi Generosa (PA) nel 1998, 1999 e 2000, Corsi di Musica Antica di Pescara. Nel 1999, 2000 e 2001 inoltre ha frequentato a Bolzano, presso l’Accademia Europea di Musica Antica, il corso di flauto traverso barocco tenuto dal M° Stefano Bet. Nel maggio 2000 ha partecipato al Laboratorio per giovani direttori di coro, organizzato dalla Cappella Civica di Trieste e tenuto dal M° Marco Sofianopulo. Si è esibita nei concerti finali tenuti dai migliori allievi dei suddetti corsi.

Ha collaborato ad attività del Conservatorio di Trieste suonando per manifestazioni come "Natale insieme", "Trieste, Arte e Parkinson" e "Concerti d'Avvento" 2002. Ha partecipato, in diverse formazioni, ad alcuni concerti serali in Conservatorio e nel suggestivo castello di Miramare. Ha collaborato con il gruppo "Dumblis e Puemas", con la classe di canto della proff.ssa Rita Susovsky e col coro "Gruppo Incontro" diretto dalla medesima. Si è esibita più volte in duo con il M° Fabio Nesbeda (clavicembalo). Ha collaborato poi in diverse occasioni col gruppo triestino "Ars Baroca Ensemble". Nel settembre 2002 ha tenuto, assieme al M°Manuel Tomadin, un concerto per la rassegna "Itinerari organistici del Friuli Venezia Giulia".
Ha vinto il primo premio del I livello nel Quinto Concorso di esecuzione musicale classica (1999) tra tutti gli istituti superiori di Trieste. Ha partecipato all'edizione 1999 del concorso musicale "Lilian Caraian", eseguendo in prima assoluta "Au" (per flauto dolce e chitarra), composta dal M° Marco Sofianopulo apposta per quell'occasione.


Ha collaborato inoltre con la Cappella Civica di Trieste, diretta dal M° Sofianopulo, con la quale si è esibita in prestigiosi concerti, su musiche di laudi duecentesche dai codici di Firenze e Cortona. Ha poi collaborato, assieme ai solisti della Cappella Civica, alla realizzazione del cd.


Dall’anno 2000 suona stabilmente nel gruppo di musica antica "Clamor et Gaudium", del quale è direttore, esibendosi sia con il flauto dolce sia con la cornamusa e partecipando alle più importanti rievocazioni storiche in Italia e all'estero (Slovenia, Danimarca, Svizzera, Grecia). Ha collaborato fra l’altro con importanti musicisti folk italiani, fra i quali Isacco Colombo, Patrik Novara, Silvio Orlandi, Igor Niego, Walter Rizzo e Fabio Tricomi, sia per musica da strada che per concerti.

Nell'ottobre 2003 ha organizzato e coordinato, per la Festa della Zucca di Venzone (UD), una banda di cornamuse e tamburi, proponendo così uno spettacolo inedito e innovativo nell'ambito delle rievocazioni storiche e della musica antica.

 Nell'anno 2003 intraprende con entusiasmo lo studio della ghironda, dapprima sotto la guida di Walter Rizzo e poi seguendo stage tenuti da Stephane Durand.

Ha collaborato col chitarrista Lino Straulino per un progetto di ballate popolari piemontesi, LA MUNGLESA, del quale è stato realizzato un cd; con "La Munglesa" nell'anno 2010 ha partecipato a tre concerti per Folkest.

Dal 2008 collabora col gruppo folk-rock "Folkezja" diretto dal violinista Giulio Venier, avvicinandosi così alla musica resiana, irlandese e allo studio del violino popolare; attualmente il gruppo si è riformato ed è attivo con il nome "OVERFOLK".

   
   
 
  Site Map